Visitare Roma da turisti Vip

roma.jpg

Il numero di visti richiesti negli Emirati, da residenti stranieri che intendono visitare l'Italia, sta crescendo vertiginosamente (qui trovate le informazioni necessarie). L'interesse verso il Bel Paese è sempre molto vivo e riceviamo spesso, dai nostri amici e conoscenti stranieri, domande su percorsi, itinerari, luoghi da visitare: possibilmente in poco tempo poiché chi vive qui, si sa, ha sempre pochi giorni di ferie a disposizione. Forbes Travel Guides, la celebre serie di guide da viaggio che classifica alberghi, ristoranti e Spa di alto livello, ha proposto un interessantissimo itinerario su Roma con la collaborazione del tour operator specializzato in esperienze esclusive City Wonders. Vi proponiamo il testo tradotto in italiano, mentre la versione originale in inglese potete trovarla qui.

Non era mai successo che una visita papale scatenasse un'eccitazione collettiva pari a quella suscitata lo scorso settembre dal primo viaggio ufficiale di Papa Francesco negli Stati Uniti, con special televisivi, copertine di riviste e, pare per la prima volta in assoluto, meme di cultura hip-hop su Instagram. In qualche modo, il fervore sollevato dalla visita è proseguito nel nuovo anno, in gran parte grazie al Giubileo Straordinario, l'Anno Santo di Grazia, l'evento religioso della durata di quasi un anno costituito da udienze papali, festeggiamenti e altre celebrazioni di natura religiosa e spirituale. Fino al mese di novembre 2016, da tutti gli angoli del mondo i fedeli confluiranno in massa a Roma e nella Città del Vaticano per prendere parte allo storico evento. I redattori di Forbes Travel Guide hanno preparato un itinerario rivolto a chi voglia andare a Roma per la prima volta proprio in questa occasione, con un risultato che è in parte lezione di storia, in parte escursione panoramica e in parte avventura gastronomica.

Primo giorno È difficile scegliere un albergo nella Città Eterna (a proposito, l'appellativo trae origine dalla credenza diffusa nella Roma antica secondo la quale la città sarebbe sopravvissuta sempre a qualunque male nel mondo). Soluzioni come il Baglioni Hotel Regina e l'Hotel Majestic Roma sono sempre in posizione centrale ideale. Villa Spalletti Trivelli è un albergo caratteristico e al contempo vicino a tutti i siti di di maggiore interesse. In autunno, poi, verranno completati i lavori di ristrutturazione dell'amatissimo Hotel Eden che continua a rappresentare per molti l'opzione di soggiorno perfetta. Nel paese un tempo dominato da Nerone e Tiberio può comunque valer la pena concedersi un soggiorno da imperatore. Il maestoso Rome Cavalieri trasmette una sensazione di aristocrazia a partire dall'atrio decorato con tappezzeria e foglie d'oro. Anche le camere sono caratterizzate dalla stessa opulenza con divani avvolgenti, bagni in marmo e accessori per la toilette personale firmati Salvatore Ferragamo. Per non parlare poi dell'impagabile vista panoramica su Roma e Città del Vaticano dalla cima di Monte Mario, la collina più alta della zona. Dai balconi è possibile vedere la Galleria Borghese, Castel Sant’Angelo e tanti altri edifici e monumenti storici.

Dopo aver rimirato da lontano l'area da esplorare, una corsa in taxi di circa venti minuti porta al Colosseo. Qui è possibile mettersi in posa per uno scatto davanti al celeberrimo anfiteatro oppure, come fanno quasi tutti, fare la fila per entrare. Chi invece preferisce saltare la lunga attesa per visitare il monumento di quasi duemila anni fa, può scegliere il pacchetto Colosseo e Roma Antica offerto in esclusiva da City Wonders, il tour operator che promette esperienze altrimenti impossibili da vivere. Prenotando la visita delle 3 del pomeriggio, chiedete espressamente di avere Seva come guida. Come con il più affabulatore dei professori, con Seva gli scavi, gli archi e le volte diventano forse ancora più affascinanti di quanto realmente non siano. Ancora più interessante è la mancanza di romanticismo nel parlare dell'epoca storica di riferimento: Seva racconta degli schiavi e delle condizioni di vita con un realismo ben diverso rispetto alle descrizioni registrate nelle cuffiette in affitto. Non solo: la visita sfrutta appieno ogni singolo minuto delle tre ore dedicate. Ovviamente è prevista una meritata pausa al termine della sessione, per esempio per tornare in albergo in taxi e concedersi un trattamento prima di cena presso il Cavalieri Grand Spa Club. Non c'è fretta: la struttura che copre circa 2.500 mq rimane aperta fino alle 10 di sera tutti i giorni. Il Ritual Treatment è mirato a eliminare lo stress della giornata dalle gambe, mentre per tonificare e rivitalizzare la pelle del viso dopo ore trascorse all'aperto c'è il trattamento Ultimate Caviar Lift Facial.

A questo punto, probabilmente, il pensiero di un letto vero e proprio è più attraente dell'idea di un letto di lattuga, ma è meglio resistere alla tentazione del riposo immediato e andare a cena al celebre ristorante La Pergola. Il menu proposto dal carismatico chef Heinz Beck è ricco di piatti tipici della tradizione italiana come risotti e spaghetti, rivisti e corretti con un tocco di genio culinario. Gli spaghetti, per esempio, sono allo scorfano. Ma a prescindere dalla scelta personale di optare per piatti più o meno innovativi, tutto è a base di ingredienti freschissimi appositamente selezionati presso i fornitori del posto dallo staff di Beck.

Secondo giorno La giornata inizia sul prestino, concedendo solo il tempo di un caffè e della frutta in balcone. Ammirando il panorama mozzafiato, spostando lo sguardo verso destra dovrebbe essere possibile scorgere la Basilica di San Pietro. È qui che, alle 7.30 della mattina, inizia l'escursione prevista per la seconda giornata. Nessun indugio: alzarsi all'alba è un sacrificio che vale davvero la pena compiere. Fra la folla che cerca di entrare nella Città del Vaticano c'è in attesa la guida di City Wonders per la visita alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani. Se Seva non fosse disponibile, sarete comunque in ottime mani. Come i VIP che conoscono il Pontefice di persona, potrete accedere direttamente alla Cappella Sistina e alle sale del Vaticano saltando completamente la fila e arrivando per primi. Avrete la sensazione che i musei siano tutti per voi e potrete in tutta calma rivolgere alla guida qualunque domanda sul Giubileo e scattare foto alle opere d'arte; attenzione comunque a rispettare la richiesta della guardia di non scattare di nascosto foto della "Creazione di Adamo".

Dopo qualche ora in compagnia dei maggiori capolavori di Michelangelo, una corsa in taxi porta in 12 minuti al Pantheon per ammirare l'opera di Apollodoro di Damasco. Forse l'edificio meglio conservato della Roma antica, il tempio edificato nel 118 a.C. è ancora oggi magnifico con dipinti, sculture e le tombe di diversi Italiani illustri fra cui Raffaello. Aggirando i forzati del selfie che sempre occupano Piazza della Rotonda, si arriva a Scusate il Ritardo. Sebbene sia per certi versi una trappola per turisti con un servizio incerto e prezzi elevati, il locale è l'ideale per una sosta a base di cheesecake o gelato alla frutta. Invece, per un pranzo vero e proprio, il Ristorante Grano e La Nuova Capannina, a pochi isolati, propongono interessanti piatti di pasta.

Per smaltire i carboidrati, una bella passeggiata di quindici minuti fra boutique e altre gelaterie e si arriva a Piazza di Spagna, dominata dalla celeberrima scalinata. Dopo le foto di rito e una bevuta ristoratrice da una delle fontanelle, è a questo punto necessario concedersi un po' di shopping. Accanto ai marchi noti come Gucci e Prada sorgono negozi di nicchia come Ju’sto che vende borse chic con la possibilità di personalizzare manici e tracolle sul momento. Quando la fatica dell'escursione (e delle lotte per conquistarsi uno spazio nelle piazze affollate) comincia a farsi sentire, fermate un taxi per rientrare in albergo. Prima di andare direttamente in camera, il 384 merita una sosta: è un ristorante di stile contemporaneo che in soli due anni dall'apertura si è costruito un'ottima fama fra la gente del posto (non turisti, per intenderci). Il patio e la sala da pranzo piuttosto grande offrono tutto lo spazio necessario per riposarsi assaporando una deliziosa pizza ai quattro formaggi o i paccheri con scampi e olive senza dimenticare un meritatissimo bicchiere di vino Lazio IGT Il Gelso.