Uno spazio speciale: Leggere in Italiano a Dubai

Leggere_Dubai.jpg

I club di lettura, soprattutto femminili, non sono una concezione propriamente italiana. La nostra comunità qui a Dubai, poi, è sempre super impegnata, travolta dal tran-tran quotidiano, presa dal lavoro e dalla consapevolezza che qui tutto è transitorio. Ammettiamolo, la patina superficiale della città tutto ispira tranne che la lettura; oltretutto, trovare i libri in lingue straniere non è facilissimo e in Italiano quasi impossibile: a chi poteva venire in mente di metter su un gruppo di lettura a Dubai? A Cristina Ricci, che, prima ancora di trasferirsi qui, oltre due anni fa, ha aperto una pagina Facebook intitolata Leggere in Italiano a Dubai: e poco a poco tutti i topi di biblioteca ben rintanati nei dintorni hanno iniziato a uscire! Cristina, Anna Maria, Raffaella, Myrta e Manu ricordano ancora molto bene quel primo incontro del dicembre 2013 al café Rich del Mall of Emirates per discutere "Occasione d'amore" di Nadine Gordimer (o era "L'aggancio"? I pareri qui sono discordanti, ma la colpa è sicuramente delle figlie presenti, che hanno ordinato i macarons distogliendo immediatamente parte dell'attenzione delle astanti). All'inizio un po' titubanti, in pochi minuti quelle che oramai sono le veterane del club hanno fatto clic e si sono riconosciute subito "spiriti affini". Il gruppo poi è cresciuto, in tante si sono unite e continuano a unirsi e ognuna ricorda con sorprendente precisione il proprio "primo incontro di lettura", l'autore discusso (e quasi sempre anche il titolo), la sensazione di timidezza iniziale subito sciolta fra dolci, caffè, opinioni spesso sovrapposte e chiacchiere che assomigliano a voli pindarici, solo in apparenza fuori tema. Indubbiamente non siamo silenziose: "Vi sentivo ridere dal parcheggio!", ha esclamato l'ultima volta Sonia raggiungendoci da Spill the Bean al secondo piano del Sunset Mall di Jumeira (e ovviamente il parcheggio è sotterraneo). Esagerata? Forse no.

La verità è che per chi ama perdersi in un libro, leggerlo in parallelo e passarselo di mano in mano pregustando la discussione all'incontro successivo rappresenta qualcosa di speciale. Si diventa davvero amiche, ci si conosce per quello che si è, saltando a piè pari tutte le fasi iniziali tipiche, "da dove vieni, che lavoro fai, perché sei qui", e le differenze esteriori. Spiegando il perché e il percome un libro sia piaciuto o meno, è inevitabile tuffarsi direttamente nell'essenza di chi siamo, senza timore di essere giudicate o non capite (tanto non c'è mai l'unanimità di opinione su un titolo, ed è questo il bello). C'è una vera condivisione, accresciuta dal fatto che qui trovare libri in italiano è impresa difficile, quindi una volta deciso quale sarà il prossimo libro da leggere, la prima che va in Italia se ne procura qualche copia che poi viene prestata alle altre. Quando perdiamo un elemento importante del gruppo, perché la vita la porta a lasciare Dubai, ci sentiamo tutte un po' orfane, ma il legame è tale che se per caso un viaggio di lavoro o di famiglia fa tornare la nostra amica da queste parti, ci organizziamo per includerla nel prossimo incontro (vero, Raffaella?). Perché Dubai sarà anche transitoria, ma il nostro gruppo di lettura è per sempre.

Oramai il nucleo di fedelissime è di circa una quindicina di persone, con presenze occasionali e new entry periodiche. Ci incontriamo a turno nelle nostre case o in qualche coffee shop, scelto sempre con cura, che rispecchi il nostro amore per la lettura. Abbiamo letto e discusso opere di tanti autori, come Yeoshua, Covacich, McEwan, Safak, Roth, Koch, Harper Lee, Carrère, Coetze (ah, "L'infanzia di Gesù", quanto ci ha fatto discutere) e moltissimi altri, italiani e stranieri. Libri non sempre facili, mai scontati, scelti anche pensando a quanto ci piacerà parlarne poi assieme.

Tutto gravita intorno alla pagina Facebook "Leggere in Italiano a Dubai" nella quale pubblichiamo di tutto, citazioni famose, articoli relativi a biblioteche o book-café nel resto del mondo, battute, proposte di libri da leggere, richieste di libri in prestito, resoconti degli incontri effettuati lanciando l'appuntamento per il successivo, spesso anche utilizzandola per organizzare serate a teatro, al cinema o per assistere a concerti.

Prossimo incontro, "Un terribile amore" di Catherine Dunne. Dove e quando? Ne parliamo su Leggere in Italiano a Dubai.