Piove, città in tilt e scuole chiuse

pioggia.jpg

A chi legge, dall'estero, sembra impossibile: come fa una città come Dubai a fermarsi per l'acqua? Eppure la pioggia di questa mattina ha messo ko tutti gli Emirati. Eh sì, trovandoci in mezzo al deserto, i tombini non sono stati contemplati e, quando sono state costruite le principali strade, forse non si pensava che le moderne tecniche di "pioggia artificiale" potessero essere tanto efficaci. Sta di fatto che, per qualche ora di pioggia, all'aeroporto di Abu Dhabi sono stati cancellati diversi voli, le scuole sono state immediatamente chiuse ed è stata sospesa anche la Borsa. Idem a Dubai: la città è letteralmente andata in tilt, con strade allagate e automobili ferme nelle pozze d'acqua (Jebel Ali, nella foto, è stata tra le zone più colpite dagli allagamenti). In molti sono scappati dagli uffici - per paura di rimanere imbottigliati nel traffico -, i genitori sono andati nel panico per recuperare il prima possibile i propri figli a scuola, la polizia di Dubai ha ricevuto oltre 3200 chiamate di emergenza e gli incidenti stradali sono stati, dalle prime ore della mattinata alle 13, oltre 250. A Sarhja, invece, sono stati chiusi anche tutti i parchi pubblici, mentre la città più colpita sembra essere Al Ain, con la maggior parte delle strade completamente chiuse al traffico.

Su Facebook, in queste ore, si è visto un po' di tutto, dai video di chi si ingegna a raggiungere l'auto navigando il carrello della spesa, a chi si sposta sulle strade remando sulle canoe, fino alle immagini delle folate di vento che hanno fatto esplodere vetri e cadere oggetti di ogni tipo dai grattacieli.

E per domani? Durante la notte la pioggia ricomincerà a cadere e, per precauzione, la Knowledge and Human Development Authority (KHDA) ha annunciato che domani, giovedì 10 marzo, le scuole resteranno chiuse. Più di tutti, a gioire, sono ovviamente gli studenti. Noi, in attesa di capire i reali danni che ha causato la pioggia, per ora ci consoliamo pensando a queste ultime giornate di fresco prima dell'arrivo dell'estate.