Emanuela Bilotto: da Genova a Dubai per realizzare se stessa

In molti scrivono a Dubaitaly per chiedere informazioni e aiuto su come trovare lavoro e venire a vivere a Dubai.

Emanuela Bilotto, originaria di Genova, Responsabile Amministrativa dell'Italian Trade Agency, vive qui da tre anni e ha voluto raccontarci la sua esperienza anche per incoraggiare chi ha buona volontà, professionalità e costanza, a non scoraggiarsi e a provare a partire. Un invito rivolto soprattutto alle donne: anche venendo qui da sole, è possibile trovare lavoro e realizzare se stesse.

Emanuela, che cosa ti ha portata qui?

Ho deciso di venire a Dubai perché, dopo una breve vacanza con mio marito, la città ci è piaciuta tantissimo, ce ne siamo innamorati. Avevamo da tempo l'idea di fare un'esperienza all'estero e abbiamo deciso di trasferirci. Abbiamo quindi chiesto l'aspettativa dal lavoro: io l'ho ottenuta, ma mio marito purtroppo no. Non ci siamo scoraggiati e abbiamo continuato a perseguire questa nostra idea. Cosi ho deciso di venire qui da sola e di cercare lavoro. Dopo un paio di mesi l'ho trovato e mi sono stabilita qui. Ho quindi cominciato a cercare un lavoro anche per mio marito: sono riuscita a trovare un buon contatto tramite i social network, così anche mio marito ha trovato lavoro e mi ha raggiunta.

Di che cosa ti occupavi in Italia?

In Italia lavoravo nel Finance di una multinazionale americana ed è proprio grazie a questa precedente esperienza in ambito internazionale e alla mentalità aperta dei miei superiori che ho ottenuto l’aspettativa al lavoro e, in breve tempo, un buon lavoro negli Emirati.

Che cosa ti piace di Dubai?

Questa città ci è piaciuta sin da subito, perché è vivace, stimolante, ti permette di avere una crescita professionale in breve tempo e ti dà molte opportunità sia lavorative che di divertimento. In più è una città sicurissima, soprattutto per una donna: a Dubai ti senti sempre al sicuro, sia di giorno che di notte.

Che cosa non ti piace di Dubai?

Senza dubbio il caldo, in particolare l'umidità dei mesi estivi, e il fatto che è un po' caotica a causa del traffico.

Che cosa ti manca dell'Italia?

Prima di tutto la famiglia e gli amici. Poi il buon cibo, il buon vino e i paesaggi italiani che qui davvero mancano tantissimo. Mi mancano la montagna, la mia Liguria ed il profumo dei fiori lungo la via Aurelia.

Che cosa non ti manca dell'Italia?

Non mi mancano la pioggia e il fatto che non sia un paese sicuro come questo. Stando qui, inoltre, ci si rende conto ancora di più della mala gestione delle risorse e del territorio italiano, purtroppo.

Un tuo consiglio a chi si vuole trasferire qui...

Consiglio di venire, di provare, di buttarsi. Dubai offre tanto, è una realtà multiculturale, una città che dà ottime opportunità di lavoro soprattutto a chi ha delle buone idee, a chi ha voglia di metterci impegno per realizzare i propri sogni. Con delle buone iniziative e con professionalità, si può davvero realizzare quello che in altri paesi non si può fare. Ripeto, ci vuole impegno, costanza, non si deve pensare che qui si possa ottenere tutto subito, ma è sicuramente un posto dove si possono ottenere risultati e realizzarsi. Io consiglio Dubai a tutti coloro che vogliono fare un'esperienza all'estero, un'esperienza di vita, di crescita e di arricchimento personale.