Casa: gli affitti stanno scendendo?

dubai_affitti1.jpg

Si sente ripetere già da qualche mese: gli affitti delle case si stanno abbassando. Ma è effettivamente così? Secondo una recente indagine di Bayut.com, che pubblica report periodici sull’andamento del mercato, è vero a metà. In alcune zone, e per alcune metrature di appartamenti, i prezzi stanno scendendo, ma nei quartieri più gettonati e per le dimensioni più richieste, come le "two bedrooms", i prezzi non accennano a diminuire, anzi stanno ancora salendo. Qualche esempio. Una "one bedroom" a Bur Dubai, Downtown Dubai, Dubailand o Jumeirah Lakes Towers è più economica rispetto ad un anno fa, ma chi cerca un appartamento più grande, con due o tre stanze da letto, va incontro ad un aumento medio del 15% rispetto allo stesso periodo del 2014. Riassumendo in un unico dato, in media i prezzi si sono abbassati solo del 2%, ma in modo non omogeneo nei diversi quartieri.

A Downtown Dubai un appartamento con una camera da letto ora costa in media 121.053 aed, in calo dell'8,5% rispetto ai 132.368 aed dello scorso anno. Gli affitti per una casa di due o tre camere da letto, al contrario, sono cresciuti, in media, rispettivamente del 13,9% e del 4,5%. Anche a Jumeirah Lakes Towers i prezzi sono diventati in parte più accessibili: la "one bedroom" è scesa del 2,5%, da 92.065 aed a 90.215 aed. Gli appartamenti più grandi, invece, due e tre camere da letto, sono cresciuti del 9,9% e del 2,6% rispetto allo scorso anno.

Quali sono le zone più richieste? Oltre a Dubai Marina, Downtown e Business Bay, stanno diventando molto popolari, proprio perché più accessibili, soprattutto JLT e Bur Dubai. Si stanno popolando anche quartieri come Dubailand, meno vicini al centro della città - posto che a Dubai un centro esista davvero - ma decisamente più economici (due camere da letto, 100.723 aed).

E a proposito di prezzi accessibili, alla presentazione della fiera dedicata al real estate Cityscape Global, che si apre oggi al Dubai World Trade Center, è stato sottolineato come i residenti di Dubai spendano oltre il 40% del proprio reddito familiare per l'affitto, quando la percentuale non dovrebbe essere superiore al 30%. Non solo: una famiglia a medio reddito qui guadagna tra i 10.000 e i 30.000 aed al mese. Il costo per l’affitto dovrebbe quindi essere intorno ai 72.000 aed all'anno. Ma su 20.000 unità abitative consegnate quest'anno a Dubai, solo 4000 rientrano nella fascia dei prezzi considerati accessibili e la maggior parte di queste, come Remraam o Dubai Outsource Zone, si trovano in mezzo al deserto, con pochissimi servizi.

Da sapere

A causa della variabilità dei prezzi delle case e del progressivo, continuo aumento in questi ultimi anni, per tutelare gli inquilini il Governo ha emanato alcune norme che dovrebbero regolare il mercato (decreto numero 43 del 2013). La situazione più frequente a cui si va incontro - prima della norma ancora più che oggi - è che i padroni di casa sfrattano gli inquilini per trovarne di nuovi disposti a pagare un affitto più alto. Il decreto 43 regola proprio l’aumento indiscriminato dell'affitto:

  • Se l’affitto è il 10% più basso del prezzo medio di mercato, in quella stessa zona e a parità di alloggio, non può essere aumentato
  • Se l’affitto è l'11-20% più basso del prezzo di mercato, in quella stessa zona e a parità di alloggio, l’affitto può essere aumentato al massimo del 5%
  • Se l’affitto è il 21-30% più basso dei prezzi di mercato, in quella stessa zona e a parità di alloggio, può essere aumentato al massimo del 10%
  • Se l’affitto è il 31-40% più basso dei prezzi di mercato, in quella stessa zona e a parità di alloggio, può essere aumentato al massimo del 15%
  • Se l’affitto è il 40% più basso dei prezzi di mercato, in quella stessa zona e a parità di alloggio, può essere aumentato al massimo del 20%
  • Il decreto mette inoltre a disposizione uno strumento per calcolare la variazione dei prezzi, il Dubai Land Department Rental Increase Calculator, disponibile anche online