Connect with us

Emirati Arabi, ai primi posti per la sicurezza

Emirati Arabi, ai primi posti per la sicurezza

Lifestyle

Emirati Arabi, ai primi posti per la sicurezza

I dati arrivano dal Federal National Council: gli Emirati Arabi sono al primo posto nel mondo per il minor numero di crimini legati al furto e alle violenze sessuali. Non solo, la percezione di sicurezza che hanno i cittadini è altissima: il 98,6% dei residenti si sente sicuro nelle città, anche in piena notte. Tanto che Dubai, quanto a percezione della sicurezza, si posiziona seconda, dopo Singapore.

Il Tenente Generale Sheikh Saif bin Zayed Al Nahyan, ministro dell’Interno, che ha presentato i numeri, ha aggiunto anche come gli Emirati siano stati classificati al primo posto nel mondo per il minor numero di incidenti legati agli incendi, superando il Giappone. Settimo posto nel mondo, invece, per incidenti stradali (nel 2017 il tasso di mortalità sulle strade è stato di 5 persone ogni 100.000, mentre nel 2008 era di 13,5 per 100.000 persone).

Al di là dei numeri, che in questo Pese sono sempre tanti e a volte confusi, è indubbio che la sicurezza in città sia molto alta, come testimonia la vita di tutti i giorni. Secondo la classifica del World Economic Forum (WEF), gli Emirati Arabi sono il secondo Paese piú sicuro al mondo dopo la Finlandia.

Tema più delicato, dove non è possibile avere un riscontro diretto della reale situazione, è invece quello delle carceri. Il Tenente Generale Saif ha sottolineato che sono in corso programmi di riabilitazione per i detenuti. Secondo i numeri, 551 detenuti beneficiano di programmi educativi, 8750 hanno beneficiato di programmi religiosi, 8714 di programmi culturali, 895 di programmi professionali, 2177 di programmi sociali, 25977 di programmi sportivi, mentre 299 detenuti hanno beneficiato di programmi di riabilitazione per dipendenze da droga.

Ultimo punto toccato, quello della sicurezza dei minori: quando si tratta della sicurezza dei bambini, ha dichiarato il Tenente Generale Saif, la cooperazione tra gli Emirati e gli altri Paesi del mondo diventa un fattore chiave e proprio, su questo, condividendo informazioni a livello internazionale, lavora ogni giorno il Child Protection Center emiratino. Proprio di recente, come ha citato ancora il Tenente Generale Saif, due insegnanti stranieri impiegati in scuole private emiratine, grazie alla cooperazione tra diversi Paesi, sono stati arrestati per il loro coinvolgimento in reati di pedofilia.

The Dubaitaly Press Team

Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

More in Lifestyle

Authors

Trends

Calendar

April 2018
S M T W T F S
« Mar   May »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Tags

To Top