Connect with us

Da Dubai in Italia in moto: diario di viaggio

Da Dubai in Italia in moto: diario di viaggio

Lifestyle

Da Dubai in Italia in moto: diario di viaggio

Comincia oggi il diario di viaggio di Desirè, Stefania, Davide ed Alessandro, partiti da Dubai il 10 aprile, in moto, per arrivare in Italia. Attraverseranno l’Iran, la Turchia e la Grecia.

Quattordicesimo e quindicesimo giorno

Ed infine siamo arrivati all’ultima tappa, dall’Abruzzo a casa. La mattina iniziamo con una colazione tipicamente italica, cappuccino e brioches sul lungomare. Penso che tutti avremmo voluto dire qualcosa ma nessuno ha avuto il coraggio di incominciare. Siamo stati tolti dal disagio da un operaio che stava dipingendo la segnaletica stradale con poca cura dei mezzi parcheggiati, tanto che ce ne siamo andati di tutta fretta per evitare sgraditi ricordi sulle moto. E così, lungo l’Adriatico sono scorsi via i rimanenti chilometri che ci dividevano da casa con la concentrazione di sempre.

Alla fine, dopo:
15 giorni,
1.000 sapori,
6.300km,
1 milione di esperienze che ci porteremo dentro per il resto della vita,
possiamo dire destinazione raggiunta, il Viaggio! Quindi, missione compiuta.

Con tanta nostalgia di ciò che è stato, questa notte abbiamo dormito a casa.

Dodicesimo e tredicesimo giorno

‭Una giornata iniziata dalla costa dell’egeo con l’intento di amministrare il tempo e le escursioni in funzione dell’ora d’imbarco della nave che ci avrebbe riportato in Italia da Igoumenitsa. Quindi la risalita sui monti del Pindo per poi scendere verso il lago di Ioannina. Durante una pausa dedicata ad un gelato, abbiamo ricevuto la notizia che la nave sarebbe partita con 4 ore di ritardo sulle 2 ore di cui eravamo già a conoscenza. Quindi dopo la visita al lago ed al parco ci siamo trasferiti al porto per chiedere lumi sul ritardo, e con non molta sorpresa scoprire che necessitavamo di un piano B perché le previsioni sul ritardo erano troppo ottimistiche. Con l’aiuto del personale della Grimaldi abbiamo trovato posto su una nave -in orario- diretta a Bari. Alla fine siamo stati fortunati, trovato posto per noi e le moto, siamo salpati ed arrivati in orario.

Siamo finalmente sul suolo Italiano, l’emozione non è poca, ma sarà il fatto che davanti a noi c’è ancora tanta strada, che percorriamo il Tavoliere delle Puglie con una gioia ancora un po’ repressa. L’ultima notte fuori casa la passiamo a Roseto degli Abruzzi, e domani sarà Gallarate.

Undicesimo giorno

L’undicesimo giorno di viaggio è trascorso all’insegna di un relativo relax. Tappa corta, solo 370 chilometri, con parecchie soste lungo la costa dell’Egeo alla ricerca dei sapori locali e un po’ di conforto al sole, approfittando della giornata spettacolare che abbiamo trovato. E, con l’ultima notte che passeremo fuori dall’Italia, siamo ormai pronti a tuffarci nella nostra cultura: la Grecia è stata la miglior transizione possibile tra le usanze mediorientali e casa.

Nono e decimo giorno

Dopo la tappa di trasferimento che ci ha portato a Gebze, sul mare di Marmara, oggi la giornata è iniziata sotto il diluvio.
Abbiamo quindi optato per il percorso più breve per arrivare in Grecia, e non rimanere troppo tempo sotto l’acqua. Quindi attraversamento al ponte sul Bosforo e tutto il traffico di Istanbul. Ciao Asia!

istanbul
Il forte vento è stato sempre una costante, ma almeno puliva le visiere dei caschi dall’acqua.
Le procedure di dogana al confine con la Grecia sono state abbastanza veloci e salutando la Turchia ci troviamo ora ufficialmente in EUROPA!
Senza che ce ne rendessimo conto, il primo incontro è stato con la tavola; una cena di pesce ci ha ristorati per tutte le fatiche sin qui fatte.

Domani breve tappa verso Salonicco.

Ottavo giorno

Passati dalle rigide temperature delle montagne innevate al mare, abbiamo apprezzato il tepore della primavera, che ha reso estremamente piacevole il tragitto costiero tra Trabzon e Samsun.

mare

Da lì ci siamo avventurati nell’entroterra fino alla storica ed incantevole Amasya, dove abbiamo trovato sul nostro percorso le prime testimonianze di un passato Romano. Una passeggiata lungo il fiume e le affollate vie del centro ha fatto emergere tutto il suo fascino.

 

Domani, per la prima volta, ci affacceremo sul mare di Marmara ed avremo la possibilità di vedere l’Europa; “l’attesa del piacere è essa stessa un piacere”. Cit.

Settimo giorno

Siamo arrivati a Trabzon. Partiti in una mattinata dal freddo pungente, che è andata pian piano scaldandosi, come il rapporto con la Turchia; ma niente a che vedere con i vicini iraniani. Siamo stati fermati 4 volte ai posti di blocco della polizia (talvolta in borghese), ma non ci hanno creato problemi; siamo italiani e il Milan e la Juventus sono sempre validi lasciapassare. Speriamo che duri.

Siamo saliti, per raggiungere il Mar Nero, fino a toccare la neve come previsto. Oggi, senza il vento, è stato un bel guidare, riuscendo finalmente ad abbozzare qualche timida “piega”. La moto è ok. Forse il solo aver pulito e lubrificato la leva del cambio gli ha fatto recuperare tutta la sua corsa, permettendo tutti gli innesti.

Trabzon è una città caotica; niente di nuovo. La vista del mare ci fa render conto che un altro passo avanti l’abbiamo fatto.

Quinto e sesto giorno

Due giorni intensi. Siamo partiti da Qazvin con freddo e vento, e per tutto il giorno abbiamo sofferto. Dopo mezzogiorno è iniziata la pioggia intensa, e non è mancata neppure la grandine. Qualche sosta per scaldarci con un po di te, e nel pomeriggio, dopo aver attraversato il lago, siamo arrivati nella caotica Urumia.

Questa mattina, di buon ora, siamo ripartiti in direzione Turchia sempre accompagnati dalle rigide temperature. Avvicinando la dogana, ci rendevamo conto che stavamo lasciando un territorio ed una popolazione che sono state, per noi, una gradevolissima sorpresa. Il garbo, la disponibilità e la gentilezza iraniane sono state un’esperienza che non dimenticheremo.

Questo il nostro pranzo di oggi.

Giunti in dogana, le pratiche sono state tutto sommato veloci,  anche se gli imprevisti non sono mancati (perquisizione della moto), e l’accoglienza turca non è stata delle più calorose. Siamo stati fermati tre volte dalla polizia in soli 100km. Domani ci avvicineremo al mar Nero sperando in temperature meteo, ed “umane”, più clementi.
Arrivati in Turchia, la vista del Monte Ararat ci ha scaldato il cuore: un altro traguardo raggiunto!

Quarto giorno

Oggi la giornata è iniziata con la visita alla moschea dell’Imam ad Esfahan; sia la città che la Moschea danno l’impressione che il tempo si sia fermato almeno 40 anni fa. Affascinante!

Il resto della giornata è trascorso sul leitmotiv dei giorni scorsi; paesaggi da National Geografic, popolazione gentile ed ospitale oltre ogni immaginazione e poi il vento, tanto ma tanto vento che anche oggi ha reso pesante la guida. Le temperature iniziano a scendere in modo considerevole, tanto che da domani le minime arriveranno intorno agli zero gradi. Lo sapevamo, eravamo preparati, ma le soffriremo ugualmente.

Stanotte divideremo la stanza a causa di un “ospite” non previsto (un topo).
Domani si parte presto perché la tappa che ci porterà a Urmia è di quasi 700km.
Buona notte!

Terzo giorno

La giornata è iniziata con la visita in hotel di una amica iraniana, Mina, che ci ha aiutato ad organizzare questo viaggio e ad ottenere i visti per l’ingresso in Iran.

diario di viaggio

 

 

 

 

 

 

Partiti da Shiraz dopo una piovosa nottata siamo arrivati a Esfahan passando per Persepolis.

Anche oggi i panorami incredibili dell’Iran ci hanno meravigliato. Vallate immense dove ciò che stupiva era l’assenza di vita. L’unica nota negativa è stato il forte vento che ci ha accompagnato e importunato per tutto il viaggio.

Secondo giorno

Siamo arrivati ieri sera tardi in hotel, a Shiraz, a causa di una partenza in ritardassimo da Bandar Abbas: fare l’assicurazione è stata un’impresa.

La gentilezza e la disponibilità degli iraniani ci hanno stupiti.

Finalmente siamo riusciti a partire e, a parte i panorami mozzafiato, abbiamo preso nell’ordine: caldo, vento, pioggia (tanta), e freddo (tantissimo). Siamo partiti con 38 gradi e siamo arrivati con 9.

 

Mentre Alessandro era impegnato a fare le assicurazioni, noi siamo stati invasi da persone che volevano fare foto e guardare le nostre moto.

 

Primo giorno

La nave che dagli Emirati ha attraversato lo stretto di Hormuz e ci ha portato in Iran, non aveva come punto di forza né l’igiene, né il servizio.
Nonostante i sacchi dell’immondizia sui sedili, abbiamo optato per dormire sulle panchine all’aperto.
Non era disponibile un servizio, tipo ghostbusters, che tenesse buone le creature con le zampette.
Toilet…passiamo oltre.

Arrivati in orario alle 9 del mattino a Bandar Abbas, abbiamo dovuto attendere sino alle 15 per completare tutte le procedure di immigrazione e sdoganamento delle moto. L’umidità e il caldo pestiferi hanno complicato il tutto, anche se per 40 euro un “local agent” ci ha velocizzato le procedure.

Abbiamo condiviso tutto il viaggio con tre famiglie (due tedesche e una francese) che, separatamente, avevano la stessa meta: il giro del mondo!

Ora siamo in hotel anche se ci manca l’assicurazione temporanea per le moto; oggi era tardi, ci penseremo domani.

Una doccia era proprio necessaria.

  • Da Dubai in Italia in moto: diario di viaggio
  • diario di viaggio
  • Da Dubai in Italia in moto: diario di viaggio
  • mare
  • istanbul
  • diario viaggio
  • Da Dubai in Italia in moto: diario di viaggio
  • diario di viaggio
  • Da Dubai in Italia in moto: diario di viaggio
  • mare
  • istanbul
  • diario viaggio

The Dubaitaly Press Team

1 Comment

1 Comment

  1. mahtab gharakhan

    April 16, 2018 at 10:19 am

    Wooow enjoy rest of your travel 😃😍😍😍

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

More in Lifestyle

Authors

Trends

Calendar

April 2018
S M T W T F S
« Mar   May »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Tags

To Top