Connect with us

Cresce l’attesa per l’apertura del Louvre

Lifestyle

Cresce l’attesa per l’apertura del Louvre

L’attesa cresce per l’apertura ufficiale del Louvre di Abu Dhabi. Annunciata come una delle 10 aperture mondiali più importanti dell’anno, la costruzione è alle sue tappe finali e dovrebbe inaugurare entro la fine del 2017.

L’edificio, progettato dall’architetto Jean Nouvel, vincitore del Pritzker Prize, si trova al Saadiyat Cultural District, a poco più di un’ora di auto da Dubai. Il distretto dedicato all’arte e alla cultura ospiterà anche il Zayed National Museum e il Guggenheim di Abu Dhabi.

Louvre ha un design contemporaneo che richiama elementi dell’architettura islamica e araba: la grande cupola è ispirata alle foglie della palma, utilizzate in passato per coprire i tetti delle abitazioni e ripararsi dal sole e dal caldo. Tra le particolarità dell’edificio, la luce naturale, che lascia entrare piccoli raggi di sole: una pioggia di luci e ombre, come sotto i palmeti o all’interno dei souk.

La galleria permanente includerà sia opere d’arte antiche che contemporanee, mentre lo spazio dedicato alle mostre ospiterà le più importanti esposizioni internazionali.

Il progetto del Louvre era stato annunciato nel 2007: 650 milioni di dollari per un museo che ha acquisito oltre 600 opere d’arte provenienti da tutto il mondo.

Una curiosità: le opere d’arte saranno esposte una accanto all’altra e non saranno separate con criteri temporali oppure geografici. Il motivo di questa scelta? Evidenziare il concetto dell’universalità dell’arte.

Elisabetta Norzi arriva a Dubai nel 2008. Nata e cresciuta a Torino, dopo una laurea in Lettere Moderne si trasferisce a Bologna per un master di specializzazione in giornalismo. Qui conosce la realtà dell'associazionismo emiliano e decide di occuparsi di tematiche sociali. Entra nella redazione dell'agenzia di stampa Redattore Sociale, collabora per il Segretariato Sociale della Rai e per il gruppo Espresso-Repubblica. Giramondo per passione, comincia a scrivere reportage come freelance con un servizio sulla Birmania durante la “rivoluzione zafferano”, ripreso dalle principali testate e televisioni italiane. Dopo diversi anni come corrispondente da Dubai (Peacereporter, Linkiesta), fonda, insieme a Giulia Violante, Dubaitaly.

Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

More in Lifestyle

To Top