Connect with us

Emirati, il mercato più importante nell’area Mena per i prodotti italiani

Emirati, il mercato più importante nell’area Mena per i prodotti italiani

Dubai 2020

Emirati, il mercato più importante nell’area Mena per i prodotti italiani

Gli scambi commerciali tra Emirati Arabi Uniti e Italia sono destinati a crescere, anche a causa della necessità di diversificazione degli Emirati, ha dichiarato un alto funzionario del Governo emiratino. Il totale degli scambi tra i due Paesi nel 2015 ha toccato il record di 7.9 miliardi di dollari, con l’export dell’Italia verso gli Emirati di oltre 6.9 miliardi e le importazioni – perlopiù prodotti petroliferi e metalli preziosi – che toccano un miliardo di dollari.

*L’articolo è stato tratto da Gulf Business e tradotto in italiano

Gli scambi commerciali tra Emirati Arabi Uniti e Italia sono destinati a crescere, anche a causa della necessità di diversificazione degli Emirati, ha dichiarato un alto funzionario del Governo emiratino. Il totale degli scambi tra i due Paesi nel 2015 ha toccato il record di 7.9 miliardi di dollari, con l’export dell’Italia verso gli Emirati di oltre 6.9 miliardi e le importazioni – perlopiù prodotti petroliferi e metalli preziosi – che toccano un miliardo di dollari.

“Negli ultimi cinque anni gli Emirati sono stati di gran lunga il mercato più importante per i prodotti italiani nel Medio Oriente e nella regione del Nord Africa”, ha dichiarato l’Ambasciatore italiano negli Emirati, Liborio Stellino. L’Ambasciatore ha riferito che gli Emirati sono il quindicesimo mercato più grande per il commercio italiano, con un posizionamento migliore rispetto a Paesi come il Giappone e l’Arabia Saudita.

La domanda di prodotti italiani riguarda soprattutto il settore della gioielleria e quello dei macchinari. Entrambi i settori hanno registrato un fatturato di oltre un miliardo di dollari ciascuno, seguiti da prodotti petroliferi raffinati, per 6,5 milioni di dollari. Guardando al futuro, l’Italia prevede di aumentare i propri volumi commerciali con gli Emirati e la regione MENA, attraverso la diversificazione in altri settori come IT, green technology, aerospazio, aviazione e sanitario.

L’Italia è ben posizionata grazie al know-how e alle risorse, in particolar modo perché gli Emirati si stanno allontanando dalla dipendenza dal petrolio, ha affermato Stellino. “L’intera economia non-oil e post-oil dovranno essere il target strategico delle aziende italiane che mirano a espandere il proprio business negli EAU”, ha riferito. “Nel corso degli ultimi 10 anni, il settore industriale italiano ha subito un cambiamento significativo dalla produzione di prodotti tradizionali a quella di prodotti nuovi e originali. Come risultato di questo, le aziende italiane sono molto competitive in settori come le rinnovabili e il sanitario”, ha aggiunto.

Guardando in avanti, l’Italia vede anche Expo 2020 Dubai come un’opportunità per accrescere ulteriormente i propri legami commerciali con gli Emirati. “Sono convinto che l’Italia ha molto da offrire a Expo 2020 Dubai, che porterà benefici a entrambi i Paesi”, ha dichiarato Stellino. “Milano ha dimostrato al mondo che le esposizioni universali nel ventunesimo secolo non sono solo siti espositivi allestiti per sei mesi. Dubai 2020, più di Milano 2015, sarà un percorso quadriennale di partnership strategiche”.

The Dubaitaly Press Team

Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

More in Dubai 2020

Authors

Trends

Calendar

July 2016
S M T W T F S
« Jun   Aug »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Tags

To Top