Connect with us

Teatro per tutti

Lifestyle

Teatro per tutti

Una delle cose più accattivanti della scena teatrale di Dubai è il fatto che i due maggiori teatri della città (Ductac e Madinat Theatre) mettono periodicamente in cartellone musical e balletti con cast semi-professionale.

Una delle cose più accattivanti della scena teatrale di Dubai è il fatto che i due maggiori teatri della città (Ductac e Madinat Theatre) mettono periodicamente in cartellone musical e balletti con cast semi-professionale. Si tratta di musical come “Hairspray”, “Cats”, “West Side Story” per citarne solo alcuni, e balletti come “The Wizard of Oz” (che ho avuto modo di vedere qualche giorno fa insieme a mia figlia di 4 anni che, pur non essendo ancora mai stata al cinema, è già una habituée del teatro e si è divertita come sempre moltissimo).
Sono spettacoli allestiti tipicamente con regista, tecnici e alcuni degli attori provenienti direttamente da grosse produzioni teatrali professionali internazionali di alto livello, mentre gli altri personaggi vengono selezionati a Dubai attraverso audizioni aperte a tutti: bambini, giovani e adulti di ogni età con la passione della recitazione, della musica, della danza e del canto, anche autodidatti o allievi di scuole artistiche.

Il risultato è sempre interessante; in molti casi lo spettacolo è davvero di ottima qualità, in altri qualche minima imperfezione nel sincronismo dei bambini (alcuni davvero piccoli) o una stecca quasi impercettibile della cantante che ancora non ha imparato a risparmiare le corde vocali nel corso delle repliche, sono minuzie perdonabilissime e anzi rendono ancora più gradevole e vivo lo show. È bellissimo vedere le facce emozionate, sorridenti e comprese nel ruolo degli “artisti” di tutte le età, che per la prima volta forse calcano le assi di un palcoscenico nell’ambito di una produzione “vera”, esibendosi accanto a professionisti di Broadway con i quali hanno anche avuto modo di provare nei giorni precedenti fra trucchi, costumi e cambi di scena da teatro vero.

Un’esperienza unica che, chissà, per alcuni magari costituisce un primo passo da inserire un domani nel curriculum professionale, mentre per altri rimarrà comunque un ricordo indelebile condiviso con i genitori, i fratelli e gli amici presenti in sala; sicuramente anche una lezione di vita. Questi show costituiscono oltretutto uno stimolo enorme ad avvicinarsi alla musica e allo spettacolo, in generale, per i bambini che assistono fra il pubblico. Lo scorso gennaio, ad esempio, si sono svolte le audizioni per il casting di “The Sound of Music” (“Tutti insieme appassionatamente” in italiano) che verrà messo in scena fra la fine di marzo e i primi di aprile al Madinat Theatre (Popular Productions).

Per chi volesse essere coinvolto in audizioni future, il modo migliore per rimanere sempre aggiornati è seguire con assiduità le pagine Facebook del Ductac, del Madinat Theatre e di Popular Productions.

Elisabetta Norzi arriva a Dubai nel 2008. Nata e cresciuta a Torino, dopo una laurea in Lettere Moderne si trasferisce a Bologna per un master di specializzazione in giornalismo. Qui conosce la realtà dell'associazionismo emiliano e decide di occuparsi di tematiche sociali. Entra nella redazione dell'agenzia di stampa Redattore Sociale, collabora per il Segretariato Sociale della Rai e per il gruppo Espresso-Repubblica. Giramondo per passione, comincia a scrivere reportage come freelance con un servizio sulla Birmania durante la “rivoluzione zafferano”, ripreso dalle principali testate e televisioni italiane. Dopo diversi anni come corrispondente da Dubai (Peacereporter, Linkiesta), fonda, insieme a Giulia Violante, Dubaitaly.

Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

More in Lifestyle

To Top