Connect with us

Appena arrivati a Dubai? Attenzione al dress code

City Guide

Appena arrivati a Dubai? Attenzione al dress code

“Annalisa, cosa ti metti per andare all’Iftar di stasera?”. Questo il messaggio che ho scritto alla mia amica, mentre rivoltavo l’armadio in cerca di qualcosa di appropriato, senza in realtà sapere che cosa sarebbe stato davvero appropriato per partecipare a un Iftar. La mia amica mi ha poi rassicurata, dicendomi che era sufficiente coprire ginocchia e spalle e io ho optato per una gonna lunga fino alle caviglie, blusa con manica a tre quarti, sandali bassi, capelli raccolti e trucco un po’ più intenso sugli occhi (come fanno le donne arabe).

“Annalisa, cosa ti metti per andare all’Iftar di stasera?”. Questo il messaggio che ho scritto alla mia amica, mentre rivoltavo l’armadio in cerca di qualcosa di appropriato, senza in realtà sapere che cosa sarebbe stato davvero appropriato per partecipare a un Iftar. La mia amica mi ha poi rassicurata, dicendomi che era sufficiente coprire ginocchia e spalle e io ho optato per una gonna lunga fino alle caviglie, blusa con manica a tre quarti, sandali bassi, capelli raccolti e trucco un po’ più intenso sugli occhi (come fanno le donne arabe). E mi sono sentita elegante e a mio agio durante tutta la serata. Insomma, si può essere belle anche coprendosi un po’ di più e le donne arabe che fluttuano indossando l’abaya ne sono la prova vivente. E poi non le invidiamo un po’ tutte quando la mattina passiamo un’eternità davanti all’armadio per decidere che cosa metterci addosso? Inutile ribadire che il dress code a Dubai è molto importante, quindi vediamo subito le situazioni più comuni in cui ci si può trovare.

Spiaggia o piscina

In spiaggia e in piscina il bikini è ammesso, ma il topless è assolutamente vietato. Evitate però di andare in giro in costume o shorts fuori dalla spiaggia oppure nei luoghi comuni delle torri o dei compund se si tratta di piscina. Perfetti i maxi dress o i kaftan (come quelli che si trovano al Souq). Per gli uomini vanno bene bermuda e t-shirt.

Palestra

In palestra sono ammessi pantaloncini e canottiere, ma una volta usciti meglio indossare pantaloni della tuta lunghi o al ginocchio. In alcuni palazzi ci sono palestre separate per uomini e donne, ma le regole non cambiano e gli uomini non si possono allenare a torso nudo. Anche negli spogliatoi dei luoghi sportivi, come ad esempio i campi da calcio, la nudità non è apprezzata: per spogliarvi copritevi quindi con un asciugamano.

Locali e hotel

Se uscite per fare serata, spesso i locali si trovano all’interno degli hotel. Qui potete sfoggiare tranquillamente tacchi e cocktail dress in libertà. Per gli uomini, meglio pantaloni lunghi e camicia per non rischiare di essere rimbalzati.

Centri commerciali e cinema

Quando decidete di avventurarvi in uno dei mille Mall che popolano Dubai, assicuratevi di avere la pashmina “salvavita” o un cardigan in borsa: non solo perché è meglio avere le spalle coperte, ma anche perché qui con l’aria condizionata non scherzano. Se decidete di andare al cinema, preparatevi a temperature polari che vi faranno dimenticare di essere a Dubai.

Ufficio

Negli uffici solitamente gli uomini indossano completi formali con camicia e cravatta, per le donne invece vanno bene pantaloni o gonna al ginocchio. La moda, quest’anno, ci ha fatto un bellissimo regalo riproponendo le gonne di media lunghezza plissettate o a ruota che sono un’alternativa comoda ed elegante alle solite gonne a tubo (che ricordano tanto le uniformi delle hostess). Un’ulteriore opzione per le donne in ufficio sono i tubini: per sdrammatizzarne la lunghezza al ginocchio (che di solito si porta dopo i 40 anni) si possono indossare decolleté tacco 8-9 cm. Niente paura, non dovrete soffrire sui tacchi tutta la settimana: con il Casual Thursday, sia uomini che donne, almeno un giorno a settimana, possono indossare abbigliamento casual, quindi jeans, scarpe da ginnastica, polo ecc.

Uffici governativi

Se dovete recarvi negli uffici governativi, dovrete fare più attenzione del solito all’abbigliamento: le braccia e le gambe devono essere coperte. Potete fare riferimento al dress code da ufficio, ma portatevi sempre dietro una pashmina o un cardigan per evitare problemi. In tutti gli uffici pubblici, se non si è adeguatamente coperte, all’ingresso è comunque possibile chiedere in prestito un abaya. Anche gli uomini dovrebbero avere le gambe coperte: negli uffici pubblici evitate quindi i pantaloni corti.

Ramadan e Iftar

Durante il mese del Ramadan occorre mantenere un abbigliamento molto sobrio. Valgono quindi le regole sopra elencate per le varie occasioni, con qualche accorgimento in più: in palestra preferite pantaloni al ginocchio o lunghi fino alla caviglia e, in generale, scegliete abiti, gonne e pantaloni lunghi e non attillati. Coprite le spalle e, se volete provare la moda emiratina, questo è il momento migliore per acquistare vestiti in stile arabo o un abaya.

Ultimo accorgimento: Dubai è il più aperto tra i sette emirati, se dovete quindi avventurarvi nelle altre città assicuratevi di avere un look più sobrio.

Elisabetta Norzi arriva a Dubai nel 2008. Nata e cresciuta a Torino, dopo una laurea in Lettere Moderne si trasferisce a Bologna per un master di specializzazione in giornalismo. Qui conosce la realtà dell'associazionismo emiliano e decide di occuparsi di tematiche sociali. Entra nella redazione dell'agenzia di stampa Redattore Sociale, collabora per il Segretariato Sociale della Rai e per il gruppo Espresso-Repubblica. Giramondo per passione, comincia a scrivere reportage come freelance con un servizio sulla Birmania durante la “rivoluzione zafferano”, ripreso dalle principali testate e televisioni italiane. Dopo diversi anni come corrispondente da Dubai (Peacereporter, Linkiesta), fonda, insieme a Giulia Violante, Dubaitaly.

Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

More in City Guide

To Top